Da Lunedì 12 Giugno riapre la Scuola Vela estiva. Così nacque la vela agonistica nella nostra città.

Il 1982 ha segnato la nascita della scuola vela agonistica nella nostra città che oggi vanta ben trentacinque anni di attività. L’input giusto allo sviluppo delle tante attività veliche che hanno reso la città dello Stretto nota in tutta Italia.  Merito del vento che spira sulla riviera reggina, e anche della buona volontà e capacità di chi ha veramente creduto e continua a credere in questa disciplina sportiva.

Questo lo spirito che ha animato i pionieri del Circolo Velico Reggio nel sito del Lungomare di grande significato storico e ambientale, tant’è che l’intero Consiglio Comunale negli anni 90, con una delibera assunta all’unanimità, prescriveva le linee urbanistiche per la riqualificazione del Lungomare assicurando al Circolo Velico Reggio la permanenza nel sito attuale, definendolo “preesistenza significativa” alla stregua del Lido Comunale.

Tale necessità, assunta dal Consiglio del Comune di Reggio, voleva rafforzare il legame culturale della città al mare. Altra epoca che non era avara di menti acculturate e coraggiose.

Reggio con il suo Circolo il 12 Giugno riapre le porte al trentacinquesimo corso di scuola vela ospitando una miriade di bambini  e individuando nuove partnership nelle scuole reggine con il motto  “dalla scuola al mare per sostenere la crescita”.

Sono avviati i corsi base per bambini sulle imbarcazioni Optimist e tavole a vela che dureranno diverse settimane con inizio alle ore 8 sino alle ore 15. E’ organizzato un percorso formativo che avviene senza forzare le famiglie e consentendo ai piccoli allievi, al fine del percorso scolastico, di vivere il mare nella sua interezza e plasmare il carattere.   

Tutto ciò mentre il responsabile della scuola vela, il croato Denis Finderle, spiega che la Vela è fisica, meteorologia e studio ed è un laboratorio di innovazione, ecco perché bisogna portare il mare nelle scuole. In particolare a Reggio Calabria dove tutto si compendia e si parla poco di mare.  

 

Ma la Vela non è solo una disciplina sportiva ma anche il veicolo per far conoscere la città e il suo incomparabile clima. Giunge gradito l’invito, da parte dei velisti Norvegesi che hanno partecipato alla 32° Edizione della Mediterranean Cup per recarsi in Norvegia dal 13 al 21 Agosto e stabilire un gemellaggio tra i due circoli.

Un riconoscimento per il lavoro svolto ed un grande stimolo a continuare sulla strada dei fondatori. Questa volta con una marcia in più.

0 Commenti